Virtù dimenticate: Lealtà

Dopo l’ultima cena, mentre Gesù e i suoi discepoli andavano verso il monte degli ulivi, Gesù dichiarò che i discepoli sarebbero stati scandalizzati da ciò che sarebbe avvenuto quella notte. Pietro promise lealtà a Gesù, qualsiasi cosa sarebbe avvenuta, ma così non fu. Matteo 26:33-35: “Allora Pietro, rispondendo, gli disse: «Quand’anche tutti si scandalizzassero per causa tua, io non mi scandalizzerò mai!». Gesù gli disse: «In verità ti dico che questa stessa notte, prima che il gallo canti, tu mi rinnegherai tre volte». Pietro gli disse: «Anche se dovessi morire con te, non ti rinnegherò in alcun modo». Lo stesso dissero anche tutti i discepoli.” . La vera lealtà deve essere dimostrata in fatti, non proclamata a parole. Proverbi 20:6 dice: “Molti uomini proclamano la propria bontà; ma chi può trovare un uomo fedele?” . In 2 Samuele 15:19-22, il figlio di Davide, Absalom, detronizza suo padre. Davide lascia il regno per non mettersi contro suo figlio, il forestiero Ittai di Gath, raggiunge Davide proclamando e dimostrando lealtà nei suoi confronti, nonostante non avesse nessun legame con il Re. Alcuni esempi di slealtà, contrari all’insegnamento biblico: Con tua moglie, Malachia 2:15-16. Con gli amici, Proverbi 7:17. Con la chiesa, Atti 2:42-46. Dio è leale, tanto da aver dato suo figlio per noi. Dio desidera che lo amiamo con tutto il cuore. Giacomo 4:8 dice: “Avvicinatevi a Dio ed egli si avvicinerà a voi; pulite le vostre mani, o peccatori; e purificate i vostri cuori, o voi dal cuore doppio!” Ma il doppio cuore è causa di slealtà. Deve esserci pentimento nel nostro cuore e dimostrare...

approfondisci