Indagine sulla religiosità

Le tre domande rivolte, una di osservazione e due di proposta, mirano alla raccolta di informazioni sul tipo di percezione e comprensione del fenomeno religioso; inoltre si è cercato di individuare la propensione o meno degli intervistati verso la fede cristiana.
I 3 quesiti sono:

  1. Perchè secondo lei le persone non vanno più in chiesa?
  2. Cosa dovrebbe offrire una chiesa secondo lei?
  3. In quale delle seguenti situazioni sarebbe più incoraggiato ad approfondire il cristianesimo?

L’inchiesta/sondaggio è stata eseguita dalla chiesa evangelica “La Sorgente” di Varese su un campione di 100 persone.

L’analisi dei risultati ottenuti è stata affidata al dott. Davide Maglie, laureato in antropologia sociale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, membro del Comitato Editoriale della Casa Editrice evangelica “Edizioni GBU”(Gruppi Biblici Universitari), e collaboratore regolare del quotidiano d’informazione on line Icn-news.com.

Piuttosto che nella forma diretta “Lei va in chiesa?” si è optato per una formulazione indiretta, che ha consentito di dare forma e voce ai pensieri degli intervistati senza attivare meccanismi di “protezione/difesa” della propria immagine psico-sociale.

Nella seconda e terza domanda si è scelta una formulazione diretta, ma di tipo positivo e valorizzante il contributo dell’intervistato. Le basse percentuali dei “non so” e della risposta “non mi interessa approfondire il cristianesimo”, denotano un coinvolgimento elevato degli intervistati verso i quesiti posti.

I risultati di questa inchiesta rispecchiano sostanzialmente quelli di sondaggi nazionali condotti da Istituti demoscopici come Eurispes ed Eurisko che evidenziano come soddisfazione/insoddisfazione verso la chiesa cattolica (e più in generale verso i valori tradizionali) si equivalgono. Altra cosa è la pratica religiosa, che non supera il 30% della popolazione (mentre l’80% circa si dichiara “credente”).

Un fenomeno simile appare anche in un campione ridotto come quello dell’indagine qui presentata: la perdita della fede, il disinteresse e la sfiducia verso l’istituzione “Chiesa” raccolgono il 75% delle risposte alla prima domanda, a denotare il progressivo distacco emotivo e cognitivo dalla cornice offerta storicamente dalla religione prevalente.

La Prealpina 11/07/2007

Esiste un dislivello significativo tra uomini e donne nella percezione di questo disinteresse: il 13% delle donne contro il 39% circa degli uomini.
Il disinteresse per la partecipazione alla vita della chiesa risulta la prima risposta se si considera la fascia d’età 15-25 anni.
Il disinteresse e la perdita dell’orizzonte religioso non sono un fenomeno locale, costituiscono una chiara espressione del processo di secolarizzazione (ampiamente osservato e studiato in Europa). Si tratta di un processo culturale in atto da almeno tre secoli che potrebbe essere sintetizzato con due parole:“disincanto” e “autonomia”. Il primo è all’origine della perdita di plausibilità delle credenze religiose; la seconda espressione, autonomia, esprime la tendenza moderna del soggetto in rapporto alle tradizionali strutture e forme di organizzazione sociale.

Ma se esiste ed è palpabile il senso di disinteresse e distacco dalle forme tradizionali in cui si manifesta la vita religiosa, è pur vero che la modernità ha prodotto, come dice il sociologo Danièle Hervieu-Léger: logiche di “individualizzazione del credere”.
Sono gli individui stessi, in funzione delle loro disposizioni, interessi, aspirazioni ed esperienze, a produrre “il piccolo racconto di fede” con il quale dare senso alla propria vita. Ed è quindi sempre più comune l’esperienza del “bricolage”individuale , in cui le grandi tradizioni religiose svolgono la funzione di “serbatoi di significati”, come li definisce Hervieu Léger, da cui gli individui attingono per riutilizzi soggettivi. Questo processo comporta un interessante conseguenza confermata da questa inchiesta: sempre più spesso le identità religiose sono identità scelte individualmente.

La Prealpina - 30/04/2007

Questo elemento appare in maniera chiara nelle risposte alla terza domanda, forse la più importante del sondaggio. Esiste il bisogno di riscoprire le proprie radici, di cui il Cristianesimo è una componente fondamentale, ma una significativa percentuale preferirebbe ad una modalità di comunicazione “verticale” (ad una formulazione tradizionale), una comunicazione “in gruppi più ristretti”, dove sono evidenti il bisogno di “relazione” e di “esperienza”. Questo tratto non elimina le modalità tradizionali; ma è emblematico che solo il 26% degli intervistati ritenga che l’approfondimento del Cristianesimo possa realizzarsi nella sua sede “istituzionale”, cioè la Chiesa. La maggior parte preferirebbe una via relazionale (34%), esperienziale o cognitiva (quasi il 19% è interessato a conferenze di approfondimento). Sorprendente solo se non si capisce che questa è un’espressione tipica della modernità.
Tutte le guide spirituali e religiose sono avvertite. (Davide Maglie)

Le risposte sono state aggregate sia in funzione del sesso che in funzione della fascia d’età per produrre dei prospetti più analitici e significativi.

I risultati generali emersi dalla recente inchiesta sulla religiosità condotta su un campione della popolazione di Varese

Perchè le persone non vanno in chiesa
Risposte
%
Mancanza o perdita di fede
33,96
Disinteresse
28,30
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
13,21
Non saprei
9,43
Non condividono il credo
5,66
Mancanza di educazione religiosa
5,66
Perchè la religione è teorica e non risolve i problemi pratici
3,77
100,00
Cosa dovrebbe offrire una chiesa
Risposte
%
Maggiore impegno sociale
28,30
Maggiore lavoro tra i giovani
16,98
Va bene così com’è
16,98
Minore rigidità
11,32
Promuoversi meglio
11,32
Maggiore affidabilità
7,55
Non saprei
5,66
Non può fare niente
1,89
100,00
Dove sarebbe più incoraggiato ad approfondire il cristianesimo
Risposte
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
33,96
In una chiesa
26,42
Seguendo delle conferenze
18,87
Non mi interessa approfondire
16,98
In un ambiente meno oppressivo
1,89
Constatando la coerenza nella chiesa
1,89
100,00

Perchè le persone non vanno in chiesa

Donne
%
Mancanza o perdita di fede
45,45
Disinteresse
13,64
Non saprei
13,64
Non condividono il credo
9,09
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
9,09
Perchè la religione è teorica e non risolve i problemi pratici
4,55
Mancanza di educazione religiosa
4,55
100,00
Uomini
%
Disinteresse?
38,71
Mancanza o perdita di fede ?
25,81
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione?
16,13
Non saprei
6,45
Mancanza di educazione religiosa
6,45
Non condividono il credo
3,23
Perchè la religione è teorica e non risolve i problemi pratici
3,23
100,00

Cosa dovrebbe offrire una chiesa?

Donne
%
Maggiore impegno sociale
31,82
Va bene così com’è
27,27
Non saprei
9,09
Maggiore affidabilità
9,09
Maggiore lavoro tra i giovani
9,09
Promuoversi meglio
9,09
Minore rigidità
4,55
100,00
Uomini
%
Maggiore impegno sociale
25,81
Maggiore lavoro tra i giovani
22,58
Minore rigidità
16,13
Promuoversi meglio
12,90
Va bene così com’è
9,68
Maggiore affidabilità
6,45
Non saprei
3,23
Non può fare niente
3,23
100,00

Dove sarebbe più incoraggiato ad approfondire il cristianesimo?

Donne
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
36,36
In una chiesa
27,27
Seguendo delle conferenze
18,18
Non mi interessa approfondire
9,09
In un ambiente meno oppressivo
4,55
Constatando la coerenza nella chiesa
4,55
100,00
Uomini
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
32,26
In una chiesa
25,81
Non mi interessa approfondire
22,58
Seguendo delle conferenze
19,35
100,00

Perchè le persone non vanno in chiesa?

Età 15 – 20
%
Disinteresse
50,00
Mancanza o perdita di fede
50,00
100,00
Età 20 – 25
%
Disinteresse
42,86
Non saprei
14,29
Mancanza di educazione religiosa
14,29
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
14,29
Mancanza o perdita di fede
14,29
100,00
Età 25 – 30
%
Non saprei
33,33
Mancanza di educazione religiosa
33,33
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
33,33
100,00
Età 30 – 35
%
Disinteresse
20,00
Non saprei
20,00
Perchè la religione è teorica e non risolve i problemi pratici
20,00
Mancanza di educazione religiosa
20,00
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
20,00
100,00
Età 35 – 45
%
Mancanza o perdita di fede
50,00
Non saprei
25,00
Disinteresse
12,50
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
12,50
100,00
Età 45 – 55
%
Mancanza o perdita di fede
40,00
Disinteresse
33,33
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
13,33
Non condividono il credo
6,67
Perchè la religione è teorica e non risolve i problemi pratici
6,67
100,00
Età 55 – 70
%
Mancanza o perdita di fede
45,45
Disinteresse
27,27
Non condividono il credo
18,18
Sfiducia o delusione nei confronti dell’istituzione
9,09
100,00

Cosa dovrebbe offrire una chiesa?

Età 15 – 20
%
Maggiore lavoro tra i giovani
50,00
Non saprei
25,00
Va bene così com’è
25,00
100,00
Età 20 – 25
%
Maggiore impegno sociale
42,86
Non saprei
14,29
Maggiore lavoro tra i giovani
14,29
Promuoversi meglio
14,29
Va bene così com’è
14,29
100,00
Età 25 – 30
%
Va bene così com’è
66,67
Minore rigidità
33,33
100,00
Età 30 – 35
%
Maggiore impegno sociale
60,00
Promuoversi meglio
20,00
Va bene così com’è
20,00
100,00
Età 35 – 45
%
Maggiore impegno sociale
50,00
Non saprei
12,50
Minore rigidità
12,50
Maggiore affidabilità
12,50
Maggiore lavoro tra i giovani
12,50
100,00
Età 45 – 55
%
Promuoversi meglio
26,67
Minore rigidità
20,00
Maggiore affidabilità
20,00
Maggiore lavoro tra i giovani
13,33
Maggiore impegno sociale
13,33
Non può fare niente
6,67
100,00
Età 55 – 70
%
Va bene così com’è
36,36
Maggiore lavoro tra i giovani
27,27
Maggiore impegno sociale
27,27
Minore rigidità
9,09
100,00

Dove sarebbe più incoraggiato ad approfondire il cristianesimo?

Età 15 – 20
%
In una chiesa
25,00
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
25,00
Seguendo delle conferenze
25,00
Non mi interessa approfondire
25,00
100,00
Età 20 – 25
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
42,86
In una chiesa
28,57
In un ambiente meno oppressivo
14,29
Seguendo delle conferenze
14,29
100,00
Età 25 – 30
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
66,67
In una chiesa
33,33
100,00
Età 30 – 35
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
40,00
In una chiesa
40,00
Non mi interessa approfondire
20,00
100,00
Età 35 – 45
%
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
50,00
In una chiesa
37,50
Seguendo delle conferenze
12,50
100,00
Età 45 – 55
%
Non mi interessa approfondire
33,33
Seguendo delle conferenze
26,67
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
20,00
In una chiesa
13,33
Constatando la coerenza nella chiesa
6,67
100,00
Età 55 – 70
%
Seguendo delle conferenze
27,27
Frequentando un piccolo gruppo di discussione
27,27
In una chiesa
27,27
Non mi interessa approfondire
18,18
100,00

 

Inserisci una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *